Breve storia dello Yoga

Il saggio, dopo aver studiato i trattati della conoscenza religiosa e profana, abbandoni completamente tali trattati, come colui che cercando il seme abbandona la scorza”. (Brahmabindù Upanishad,18).

Le origini dello Yoga non sono chiarissime, alcuni studiosi le tracciano nello sciamanesimo dell’età della pietra nella Valle del pre-Indo intorno al 5000 BCE. Tuttavia le prime fonti documentate risalgono al VI e il IV secolo BCE. Per semplificare, la sua storia può essere suddivisa in quattro periodi: yoga pre-classico, classico, post-classico e moderno.

Yoga pre-classico (800 BCE / 100 CE)

La creazione delle Upanishad segna il periodo di Yoga pre-classico.

Prima di questo periodo, lo yoga era un miscuglio di ideali, credenze, religioni e tecniche secondo la tradizione pre-Vedica e Vedica. Il primo avvistamento della parola Yoga fu nell’antico testo della Rig Veda, composto da canti, mantra e rituali. Mentre i Brahmani (sacerdoti) e altri saggi documentavano le loro pratiche e le loro esperienze, lo stesso yoga andava perfezionandosi, culminando nello sviluppo di oltre 200 scritture conosciute come le Upanishad, che presero rituali di sacrificio vedici e li trasformarono in rituali di contemplazione e meditazione.Le Upanishad insegnano il sacrificio dell’ego attraverso la conoscenza di sé, l’azione e la saggezza. Tra le Upanishad più famose c’è la Bhagavad-Gîtâ, che si dice sia stata composta intorno al 500 BCE.

*** Lo yoga condivide alcune caratteristiche non solo con l’induismo ma anche con il buddismo. Il primo Buddha Siddhartha Gautama (500 BCE) iniziò ad insegnare il buddismo, che sottolinea l’importanza della meditazione.

*** Vardhamana Mahavira, fondatore del Giainismo, era un contemporaneo di Siddhartha Gautama. Si dice che Mahavira abbia raggiunto l’illuminazione 12 anni dopo aver rinunciato a tutti i ruoli e possedimenti mondani e impegnatosi in rigorose rinunce. I giainisti sono noti per il loro codice morale di non-violenza (ahimsa). Il loro Yoga comportava pratiche estreme di digiuno, controllo del respiro e posture al fine di trascendere il corpo. 

Yoga classico (300 / 600 CE)

L’era dello yoga classico è dove troviamo le basi dello yoga come lo conosciamo. Nel 200 CE circa, il filosofo Patanjali scrisse gli Yoga-Sûtra,195 aforismi o sutras (in Sanskrito il filo), istruendo gli insegnamenti, le pratiche e i rituali del Raja yoga nei suoi aspetti fisici, mentali, religiosi e spirituali e formulando gli 8 rami dello Yoga o stadi verso l’ottenimento del samadhi o dell’illuminazione:

Yama (principi etici e morali universali)
Niyama (linee guida personali)
Asana (posture)
Pranayama (controllo del respiro)
Pratyahara (ritrazione dei sensi)
Dharana (concentrazione)
Dhyana (meditazione)
Samadhi (stato di grazia, contemplazione)

Patanjali credeva che ogni individuo fosse un composto di materia (prakriti) e spirito (purusha) e che i due dovessero essere separati per poter purificare lo spirito. Ciò è in netto contrasto con lo Yoga vedico e preclassico che enfatizza l’unione tra corpo e spirito. Il concetto di separazione di Patanjali era così dominante che per molti secoli i seguaci rigorosi si concentrarono esclusivamente sulla meditazione e trascurarono le loro asana. Le convinzioni di Patanjali sono spesso descritte come dualismo filosofico e sono contrarie alla maggior parte della filosofia indiana prima e dopo il suo tempo, che è di natura decisamente non dualistica.


Yoga post-classico (800 CE / 1350 CE)

Lo Yoga post-classico è molto diverso da quello di Patanjali in quanto ritorna alle filosofie non dualistiche della tradizione vedica. Tuttavia, lo Yoga post-classico differisce da tutti gli altri per quanto riguarda l’insegnamento dell’individuo a concentrarsi maggiormente sul presente e sul potenziale del corpo fisico. Invece di cercare di liberare l’individuo dalla realtà fisica, ci viene insegnato ad accettarlo e a vivere nel momento. Il tantrismo (circa 800 CE) è un esempio di questo tipo di yoga; vede il corpo come un veicolo per la liberazione.

Con il tantrismo, le posture fisiche, la respirazione profonda e la meditazione hanno lo scopo di aiutare a mantenere il corpo giovane e prolungare la vita.

Durante il decimo secolo CE, iniziò una propagazione dello Yoga Tantrico e questa è la base per l’Hatha Yoga così come la conosciamo oggi. Goraksha e il suo insegnante, Matsyendra, sono considerati i fondatori dell’Hatha Yoga.

Gli yogi credono che la pratica dell’Hatha Yoga apra il canale energetico centrale (sushumna) che si muove tra il chakra della radice (muladhara) e il chakra alla corona della testa (sahasrara), diminuendo e alla fine eliminando tutte le malattie fisiche ed emotive. Questo tipo di Yoga ha anche lo scopo di stabilizzare e bilanciare le due forze opposte della vita / energia (prana). Attraverso la pratica delle posizioni dell’Hatha Yoga, si dice che l’energia solare di riscaldamento positiva attraverso il canale di pingala entri in equilibrio con l’energia lunare di raffreddamento negativa del canale di ida. Gli ida e pingala sorgono lungo il sushumna, intrecciandosi con i sette chakra o centri energetici. Attraverso le varie posizioni (asana) e le tecniche di respirazione (pranayama), lo Yogi può risvegliare la kundalini dormiente (energia) nella base della colonna vertebrale e spostarla verso l’alto attraverso i canali energetici e i chakra, dalla radice alla corona. Questo è considerato un mezzo per l’illuminazione attraverso il veicolo tantrico del corpo / mente.

L’Hatha Yoga Pradipika è considerato uno dei classici manuali dello Yoga. È stato scritto nel 1350 CE da Svatmarama e descrive solo 15 asana. L’Hatha Yoga Pradipika ci insegna a purificare il corpo prima attraverso sei pratiche di purificazione (shatkarma), quindi a disciplinare il corpo con le posizioni dello Yoga e usare il respiro come strumento di purificazione. Molte di queste posizioni sono sedute e  specifiche per la meditazione.

Nel 1650 CE  il Gheranda Samhita elenca 102 pratiche yoga tra cui 21 pratiche igieniche, 25 mudra e pranayama e asana.

Yoga moderno (circa 1900 CE)

Fu a metà del XIX secolo che l’Occidente vide il suo primo arrivo di maestri di yoga dall’India. Il primo yogi a incoraggiare attivamente la diffusione dello yoga dall’India all’Occidente è stato Swami Vivekananda quando ha visitato l’Europa e gli Stati Uniti nel 1890.

Paramahansa Yogananda introdusse lo Yoga negli Stati Uniti nel 1920. Tuttavia, gran parte dell’odierno Hatha Yoga si dice abbia le sue radici a Mysore, in India. Nel 1924, fu chiesto a Krishnamacharya di iniziare una scuola di Yoga in un vecchio ginnasio inglese. Tre i suoi studenti più famosi -TKB Desikachar, K Pattabhi Jois e BKS Iyengar hanno tramandato buona parte dello Hatha Yoga praticato oggi.

Si potrebbe dire che l’obiettivo in Occidente è passato dall’indagine spirituale a un mezzo di terapia o fitness. Attraverso un movimento e una respirazione coscienti e biomeccanicamente corretti, lo Yoga aiuta a ridurre lo stress in modo efficace e a migliorare le disfunzioni muscolo-scheletriche. Nel tempo lo Yoga continua ad evolvere e a diffondere i suoi insegnamenti.